giovedì 29 gennaio 2015

Progressi

Ogni giorno, quando arrivo da Debbie, trovo un sacco di cambiamenti. Ogni volta che qualche dettaglio è terminato, o quando arriva un nuovo elemento, è incredibilmente emozionante. 
Lo so che non dovrei forse sentirmi tanto coinvolta, ma sono tali e tante le questioni che si affrontano ogni giorno che, davvero, è impossibile non esserlo.

Potete immaginare, se io sto così, come reagisce Debbie!

Comunque, la scorsa settimana vi avevo accennato alla playroom; questa è sostanzialmente la stanza che occupa tutto il primo piano della struttura 'Fienile': si tratta di una struttura che è stata costruita da zero (forse esisteva qualche 'impronta' del vecchio fienile in legno, ma niente di più), e che, ovviamente, dovrà alla fine essere in tono col resto dell'ambiente, e quindi apparire certamente non 'nuova'. Debbie ha scelto materiali particolari, alcuni antichi, per creare quest'atmosfera (come i gradoni esterni in travertino grezzo), ma, all'opposto, ha fatto scelte di design all'ultimo grido; ad esempio, ha scelto un pavimento di ceramica dall'aspetto legno usurato, appena inserito sul mercato; la novità, in particolare, è il formato: si tratta infatti non del classico effetto a tavole in legno, ma grossi quadrati (mi sembra 80x80 cm). Io lo adoro, guardate che bello:




In fondo a questa stanza, oggi è iniziata la costruzione del caminetto, che avrà linea pulita e grezza, molto rustico. Stamani sono state posate le pietre del focolare, non so se riuscite a notarle perché la luce non era il massimo:


Il mood di questa struttura (ma, in fondo, di tutto il complesso) sarà un elegantissimo stile industrial chic. 

Ma i lavori proseguono anche fuori: stamattina ha preso corpo la recinzione dell'orto, realizzata con rami di noccioli intrecciati; sarà 'riempito' da vasche costruite con legno di recupero, per tenere le coltivazioni un po' rialzate da terra;
Solo ieri iniziavano a piantare i pali:


Stamani invece ho trovato la recinzione pressoché terminata:



Ogni piccolo passo avanti, tante scelte e ripensamenti e riflessioni. Si nota?


Alla prossima!
L.


lunedì 26 gennaio 2015

Nuova 'creatura'..

Anche se sto un po' trascurando il mio piccolo atelier in questo periodo, riesco comunque qua e là a passarci qualche ora e a combinare qualcosa.. Oggi ho terminato uno dei miei mortini che si trascinava da un po'. Ammetto che non mi faceva impazzire (prima), però sono abbastanza soddisfatta del risultato. Immagino sia una specie di mobile bar, o qualcosa che ricorda un secretaire.

Eccolo qui, com'era quando è arrivato in studio: 


(Sì, è vero, era proprio bruttino..).
Invece, così è come si presenta adesso
(il top nella realtà non è imbarcato, è il solito effetto fotografico...): 




Questo è l'interno:


E alcuni dettagli della decorazione:





Bene, spero che vi piaccia.
Ci aggiorniamo alla prossima puntata! 
Laura

p.s. se qualcuno fosse interessato a questo mobiletto, verrà inserito entro breve nella pagina 'Vetrina'.

mercoledì 21 gennaio 2015

A pieni lavori

I lavori alla tenuta di Debbie proseguono rapidamente. Una delle prime considerazioni di questa esperienza è che anche se ci sono momenti in cui pare che la fine sia molto lontana, poi invece non è così. La parte complicata, davvero, è quella delle decisioni.
Bisogna avere una grande capacità di visione, di immaginazione, e anche le idee molto chiare. E, non ultimo, anche l'elasticità mentale per capire quando è il momento di cambiare direzione per semplificare le cose. 
Ok, lezione numero 1 imparata.

Detto questo, solo una settimana fa la struttura chiamata 'Fienile' era ancora al grezzo, diciamo così, con i muratori che andavano e venivano, costruivano e terminavano dettagli.
Poi invece si è iniziata la finitura, e la maggior parte del tempo è trascorsa a fare test di colore, finché i pittori non hanno trovato la tonalità esattamente uguale a quella che Debbie aveva in mente (e, vi assicuro, in un paio di momenti non è stato semplice!). Dopodiché, tutto è stato improvvisamente veloce! 
La finitura per tutte le stanze è a calce (la ADORO, ma anche prima di Debbie...), e questo consente di ottenere una sensazione di fresco, e di antico, nonostante poi si possa decidere di arredare magari con mobilio moderno. 

Comunque, oggi è terminata la 'test room', che servirà da guida per tutte le stanze. I soffitti solo ieri erano così:


E, se notate, qui le pareti erano ancora al grezzo. Poi, con l'intervento della SuperSquadra, in pochissimo la stanza si è trasformata. Eccoli al lavoro:


Ed ecco il risultato finale:


Ecco, forse dalla foto è ancora prematuro intuire l'effetto completo, ma vi assicuro che è fenomenale; tutto è giocato in una serie di colori che vanno dal bianco (le travi) ad una serie di tonalità di grigio chiarissimo (le pareti) fino ad uno più corposo per i pavimenti in pietra (che qui sono ancora coperti) e che verranno poi completati dalle ceramiche del bagno. Il tutto, poi, verrà stemperato dal calore del legno antico delle ante degli armadi, e dalla finitura degli infissi che è - per tutte le struttura - di un bellissimo azzurro grigio, moderno ma di una tonalità davvero molto country. Tutto si sposa a meraviglia.

Insomma.
Mi sento assorbente come una spugna! =)

Per concludere questa giornata di lavoro al Fienile, oggi siamo andate a scegliere la cucina che andrà installata nella sala al piano superiore, la Playroom, sopra le suite, ad uso delle ospiti. E' stato divertente, anche se tra campioni di pietra per il piano, blocchi di legno antico, finitura delle ante, colori ed elettrodomestici, abbiamo fatto impazzire il negoziante... La cosa davvero divertente è che in questi momenti di scelta posso divertirmi anch'io, perché Debbie è sempre interessata al mio parere (e lo ascolta pure, wow!). 
Va beh, ma si è fatto tardi. Della Playroom vi racconto la prossima volta.

Se qualcuno si fosse perso le puntate precedenti, e a questo punto si chiedesse chi è Debbie, può andare a leggere qui.

Buonanotte!
L.


venerdì 16 gennaio 2015

Accade che...

E' da un bel po' che non tengo aggiornamenti sul blog. Vero. L'anno è terminato in modo strano, e il 2015, se possibile, iniziato ancora più stranamente. Ma che succede?

Uh, è difficile sintetizzare e fare ordine, ma ci proviamo. 
Accade che, per circostanze che non provo nemmeno a raccontare, una delle mie eroine televisive, 'quella delle puntate del pomeriggio' che io seguo da anni con insistenza ossessiva, la mia designer preferita, Debbie Travis (sì, lei, proprio lei uuuhhhh!!!)... Beh, accade che decida di farmi collaborare con lei e di farmi diventare la sua 'assistente'.

Accade che, sarà un caso? (naaa non ci crediamo, né io né lei, alle coincidenze...), Debbie abbia acquistato una proprietà da sogno a pochi chilometri da casa mia, con vigneto, uliveto e campi di lavanda, e che abbia scelto questo posto per farne il suo  buen retiro.

Accade che la ristrutturazione del podere sia arrivata al momento di MASSIMA GUDURIA, quella in cui le strutture son quasi terminate, e si inizia con le finiture, gli arredi, i complementi, le decorazioni, la progettazione dei giardini, delle terrazze, delle zone relax, dell'area piscina, yoga, massaggi... Sì, perché oltre ad essere la sua casa, questo posto da sogno diventerà un Boutique Hotel per sole donne, che aprirà al pubblico alcune settimane all'anno, e avrà ogni tipo di comfort. E, quindi, come se non bastasse, ci sono 14 camere da arredare, rifinire, allestire. 

Accade che all'improvviso mi trovo in una confusione da personalità sdoppiata, in cui ci sono io che al mattino trotto su e giù con lei per tutta la proprietà, dando istruzioni a falegnami, carpentieri, manovali, e, al pomeriggio, ci sono sempre io che la guardo in TV (perché anche se le ho già viste tre volte, non riesco a disintossicarmi dalle 'puntate'!). 

Insomma, avete un'idea di come è iniziato il mio 2015??!
Sono felicissima. Non riesco a spiegarvi la sensazione. 
Debbie ha un'esperienza lunghissima, è colei che ha inventato una marea di tecniche decorative, oltre al format televisivo di ristrutturazione-con-sorpresa (cosa che, è chiara, in Italia è quasi inattuabile), ed è una donna dall'energia inesauribile e dalla competenza che tutti, nel settore, vorrebbero possedere. E ora che trascorro con lei parecchie ore, mi sento ubriaca dalla mole di informazioni che mi sta trasmettendo, da tutto quello che sto imparando. E' incredibile! 

Mi piacerebbe tanto raccontarvi via via quello che succede, ma in effetti le giornate sono piuttosto intense ed è difficile anche fermarsi un attimo per scattare una foto.. Ma ci proverò!

Intanto vi mostro alcune immagini di questa mattina, che dicono poco o niente, mi rendo conto, perché scattate davvero di corsa. Comunque:

 Questa è una delle tre strutture, il Fienile, che ospiterà 4 camere da letto, e, 
al piano superiore, la playroom (questi sono gli ingressi alle quattro stanze).


 Questo è semplicemente uno scorcio del panorama...


 Questo è l'edificio principale visto dall'alto, dall'ala in cui son collocate 
ulteriori tre stanze per le ospiti; qui sotto invece un scorcio del salone di Debbie;
questa zona mi piace tantissimo, soprattutto per la luce (che è stata studiata davvero sapientemente):

p.s.: in origine questa zona era la stalla dell'edificio...

Infine, qui di nuovo l'edificio principale, visto però da sotto, dal parcheggio:
p.s.: quella sagomina bionda è Debbie che mi sta salutando... =)

Insomma, che dire? 
Forse non tutti conoscono Debbie (non tutti, mi rendo conto, sono maniaci quanto me), ma è sufficiente che la cerchiate su Internet, su Facebook, su Twitter, ovunque, insomma, e la troverete. C'è comunque anche il link al suo sito tra i miei link, proprio qui sul blog.

Ora cercherò via via di raccontarvi l'andamento dei lavori, ce ne saranno delle belle. Ho solo una cosa da dire, consentitemi: è proprio vero che a lavorare sodo e a crederci forte - ma forte forte! - i sogni si avverano! 
Certo, bisogna essere pronti a lasciarli entrare.

Baci!
L.