Post

Ma quant'è bello avere un cucciolo!

Immagine
E come forse ormai sapete, ci sono ricascata! Lasciate che vi presenti la new entry, la piccola Lolita, che compie 3 mesi in questi giorni:

In questa foto, già, rende l'idea di quanto le piace giocare all'aperto! La storia è breve: è nata a luglio, è la sorellina della mia Minni, e il cuore ci ha detto: mia!
Ora, innanzitutto voglio fare una precisazione sul titolo di questo post, perché "avere un cucciolo" è un'espressione che implica l'idea di possesso e proprio non mi piace. Avere in casa un cucciolo, invece, è un'esperienza che ti cambia la vita. Ho già scritto QUI, in quel post tristissimo che era poi il mio addio a Minerva, ciò che penso sulla quantità di amore ed emozioni che un cane ti sa donare. Ora però vorrei parlarne anche come di un'esperienza di accrescimento, perché quando si riceve tanto, bisogna in qualche modo mettere a frutto questo dono. Un essere che non parla la tua lingua (e che sai già, a differenza di un bimbo, che non la imp…

Momento Marmellosa

Immagine
E rieccomi nel mio salotto preferito!
Torno nel mio spazio dopo oltre tre mesi, ma stavolta non starò a tediarvi sui mille motivi della mia assenza. Invece, mi dedicherò a una piccola pausa golosa, visto che mi è stata richiesta da diverse voci. E allora...
....MOMENTO MARMELLOSA!!
Come sapete qualche volta mi imbatto in una raccolta di frutta super abbondante, e quindi mi diverto a produrre confetture, composte, marmellate. Quest'anno non c'è stata molta frutta, ma in compenso abbiamo avuto un tripudio di uva fragola. Ho pensato che qualche grappolo l'avrei potuto mangiare io, ma al resto della famiglia quest'uva non piace. E quindi via, marmellata. Mi rifiuto di sprecare la frutta!
Per farla semplice: non avevo mai preparato prima la marmellata con quest'uva, e ho cercato tra le ricette online quella che mi piaceva di più. In sé, non è complicata. Le proporzioni sono più o meno quelle standard: - 1 kg frutta - 20 gr pectina (una busta) proporzione 1:3 - 330-350 …

Focus Point n.2: IL LAVORO

Immagine
Allora. Quella del lavoro per me è una questione annosa. Insomma, ho 43 anni suonati, ormai alla mia età il grosso delle carte dovrebbero essere già state giocate. Invece non è così, e non sapete quanto mi costa fermarmi e riflettere su questo argomento.
La realtà è che in qualche modo io ho vissuto finora due vite, ed ho la fortissima sensazione di averne da poco iniziato una terza. Nella mia prima vita, un po' a stento, cercavo di portare a termine il percorso che, secondo me, mi avrebbe avvicinato alla realizzazione dei miei sogni. Che allora erano forti, chiari, imperativi. Non c'era molto spazio di manovra. Volevo essere una scrittrice o, al limite, un'insegnante di lettere. Ma soprattutto una scrittrice. In quel periodo mi dedicavo a tantissimi lavori, lavoretti, lavorini, che altro non erano se non strumenti per poter perseguire l'obiettivo primario. Erano anche una buona scuola per il futuro scrivere, ma anche per la vita; ho conosciuto innumerevoli persone, r…

Seguite il bus dell'amore!

Immagine
Sono in un periodo strano.
Praticamente per la prima volta in vita mia non mi sento oppressa da qualcosa.  Ho del tempo, ho calma, ho i ragazzi che essendo ormai cresciuti partecipano alle situazioni di casa (e quindi aiutano), ho il mio Simo che come al solito è qui al mio fianco e sostiene. Insomma, tutto procede bene. 
Eppure ho la sensazione costante di non fare niente. Di non concludere niente. Di non concretizzare niente. 
Quindi in queste giornate rifletto su come passo le giornate, perché a forza di vivere in questa sorta di calma non faccio il punto. Mi sento deficiente: anni di fatica per avere la possibilità di vivere in una tale situazione invidiabile (è invidiabile, ne sono consapevole), e io è come se non la godessi. Come se senza stress - l'oppressione di cui sopra, appunto - non avessi chiaro gli step. 
Così ho guardato un po' di foto sul mio telefono dell'ultimo mese: ho fatto tantissime cose!! Innanzitutto, sono finalmente riuscita ad andare a un concert…

Focus Point n.1: FINIRE LE COSE

Immagine
Dopo molto rimandare, ho deciso che è il momento di parlare di cose che mi stanno davvero a cuore, cose che vedo e comprendo via via, ma che credo possano essere utili non solo a me. Le sto battezzando proprio per questo Focus Points, perché penso che tutti prima o poi debbano fermarsi un attimo, guardarsi intorno e non solo, e fare il punto. E poi andare avanti. Saranno post lunghissimi, preparatevi eh eh!!! 
Per quanto mi riguarda, il primo di questi passi è: finire le cose. Per l'ultima volta parlerò nuovamente della mia laurea, ma questa volta perché dal momento in cui sono diventata Dottore mi sono accorta di alcuni meccanismi che sono scattati in me. 
Innanzitutto, anche se a lungo non ho voluto dare ascolto a quella vocina, credo che per me riprendere a studiare sia stato un fortissimo desiderio di riscatto. Io, quella che ha un milione di talenti e capacità, a suo tempo gettai la spugna a un passo dalla fine e mandai tutto a monte. Non so se poi a livello lavorativo avrei…

Piccola parentesi pubblicitaria!

Immagine
Bene, prima di iniziare una serie di post serissimi, mi dedico un piccolo spazio per fare una breve parentesi pubblicitaria!
Se ricordate, come vi avevo raccontato in questo post, da poco abbiamo adottato una cagnolina al canile. Come potete immaginare, quando è arrivata da noi non era proprio in ottima forma, almeno per quanto riguarda lo stato fisico 'apparente': tutta impolverata, qualche leggera dermatite e, soprattutto, denti GIALLISSIMI e con un po' di tartaro. Insomma, non era proprio un fiorellino da baciare, aveva un alito pestilenziale!
Quindi, tra i vari accorgimenti che stavo approntando per riportarla ad uno stato accettabile, avevo deciso di comprarle il Dentastix, prodotto di cui avevo sentito parlare (e anche usato forse qualche volta, ma non in maniera continuativa), per vedere se riuscivo a farle migliorare lo stato di alito e denti. Per una curiosa fatalità, proprio in quei giorni sono stata invitata a partecipare ad un progetto proprio di Dentastix:

Mi…

Ancora una riflessione sulle donne.

Immagine
Una breve riflessione! =)
Domani è il 25 aprile e, per i 2/3 degli italiani che non lo sanno (brrr), è la giornata della Liberazione, ovvero la data simbolica che rappresenta il momento in cui le forze partigiane della Resistenza italiana riuscirono a sbaragliare le truppe fasciste/naziste e quindi a liberare il territorio. E' quindi il momento culmine della Resistenza, forse davvero la più importante festività nazionale. 
So che normalmente io non affronto questi temi nel blog, ma complice la mia tesi, mi sto intrippando da matti nello studio di questo periodo storico. E' pazzesco perché ho scoperto quante cose noi - intendo noi, i quarantenni, quelli della mia generazione - diamo per scontate, ma in realtà scontate non lo erano proprio fino a qualche decennio prima: noi abbiamo avuto determinate possibilità, determinati diritti, che fino a poco prima non c'erano, non esistevano proprio. 
La mia tesi ormai pronta (!!) parla della storia della presenza femminile nella sfe…