lunedì 10 giugno 2013

Winter Board

Tempo fa, un po' titubante,  ho acquistato il libro Simply Said di Laurie Speltz. Questa autrice non è proprio tra le mie preferite, per una serie di motivi che ora non sto ad elencare, però in questo libro c'era qualche progetto simpatico e mi sono decisa all'acquisto.
Nel mese di febbraio ho dipinto questa tavola, Winter Board, per il Pal Christmas Time delle Merle (da cui, ahimè, da un po' di tempo sono assente per motivi di tempo, sob), tratta appunto dal libro di Laurie, che forse avrete già visto pubblicata qui o là:


Ebbene. Tutto sommato nonostante la titubanza mi sono divertita a dipingere questo progetto. Ci sono alcune cose che ho trovato molto interessanti (e che sinceramente non so se sono caratteristiche di Laurie o ereditate da altre autrici), in particolare la composizione di diversi elementi peculiari, tra cui il lettering, piacevole sia per la scelta del carattere che per l'uso di colori/ombreggiature/accessori:


Poi trovo estremamente simpatici i personaggi, tra cui in particolare il topino sul cappello (!):



E, infine, anche la 'cascata' di omini di neve, appesi o appoggiati a questo nastro su cui scorre il messaggio del pattern (che qui vi mostro in orizzontale per una resa maggiore, anche se in realtà questo riquadro è posto in verticale):



L'ultima parte della tavola, invece, è un particolare di Cardinal birds, tra gli aghi di pino:



Insomma, questo è un lavoro ricchissimo di dettagli e particolari, che normalmente non mi avrebbe attirata perché di solito preferisco soggetti più 'puliti' o, quantomeno, molto più definiti. Anche perché, a far da sfondo a tutti questi elementi, come forse potete vedere, c'è una marea di snowflakes, stelline, puntini, e una buona passata di spattering. Invece, devo dire, Laurie è riuscita in un'impresa molto dura, con uno studio del genere, cioè creare armonia tramite un filo conduttore, che lega tutte le parti tra loro: il COLORE! Se notate, infatti, su una base fredda, insiste questo rosso particolare che uniforma tutto il contenuto. Insomma, nonostante il caos regnante, la composizione finale secondo me risulta equilibrata.
Che dire... C'è sempre qualcosa da imparare, anche da autori/autrici che non ci fanno impazzire!

Buona settimana!
L.







3 commenti: